Sotto il torchio: libri e monete antiche dalle raccolte della Biblioteca Universitaria di Padova e del Museo Bottacin

Padova - Palazzo Zuckermann - Biblioteca Universitaria di Padova, Museo Bottacin, Università degli Studi di Padova

13 aprile - 9 giugno 2019 2019 - Mostre

SottoIlTorchio1La mostra, inaugurata venerdì 12 aprile alle ore 12 a Palazzo Zuckermann in Corso Garibaldi 33, presenta una ricca selezione di antiche monete e delle opere numismatiche più significative stampate in Italia e in Europa dal XVI al XVIII secolo, tratte
dalle collezioni di due tra le più importanti istituzioni culturali padovane, ossia la Biblioteca Universitaria di Padova e il Museo Bottacin, parte dei Musei Civici cittadini.


La mostra promossa e prodotta dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova, dalla Biblioteca Universitaria di Padova e dall’Università degli Studi di Padova-Dipartimento dei beni culturali, rimarrà aperta al pubblico ad ingresso libero fino al 9 giugno.


L’esposizione, dal titolo Sotto il torchio. Libri e monete antiche dalle raccolte della Biblioteca Universitaria di Padova e del Museo Bottacin, mette in luce uno degli aspetti più interessanti della vita culturale veneta e in particolare patavina, a partire dalla rinascita umanistica: la riscoperta dell’antichità classica veicolata proprio attraverso lo scambio e lo studio della monetazione romana, che ha favorito lo sviluppo di un’intensa attività editoriale di argomento numismatico.SottoIlTorchio2


La moneta e la stampa hanno inoltre condiviso a partire dal Cinquecento la medesima modalità tecnica produttiva, data dall’utilizzo del torchio, tant’è che da questo momento sia nel mondo dell’editoria sia in quello dell’emissione monetaria si fa ricorso al verbo “stampare”.


A Palazzo Zuckermann sono messe in dialogo le monete antiche e le loro rappresentazioni “di carta” incise nei libri a loro dedicate: dai pioneristici trattati cinquecenteschi di Enea Vico e Sebastiano Erizzo, alle opere del francese Charles Patin, padovano d’adozione, a quelle di Jean Vaillant e alle elegantissime pubblicazioni del veronese Jacopo Muselli, consentendo al pubblico di ripercorrere in breve la ricchezza e la complessità della letteratura numismatica e la finezza dei suoi prodotti. Sono presenti studi relativi alla numismatica classica greca e romana e volumi relativi alla numismatica medievale italiana, particolarmente veneziana e padovana, affiancati da alcuni significativi esempi di monete. Tra le opere esposte si distingue una scelta di splendidi esemplari di numismatica provenienti dalla raccolta di libri del monastero di San Giovanni di Verdara.


Erede di questa tradizione di studi è stata l’Università degli Studi di Padova, che ha costituito nel 1734 il proprio Gabinetto di Numismatica e di Antiquaria, da cui è nata nel 1817/1818 la Cattedra di Numismatica e Antiquaria. L’esposizione prosegue una fruttuosa collaborazione tra Assessorato alla Cultura del Comune di Padova, Biblioteca Universitaria di Padova e Università degli Studi di Padova - Dipartimento dei Beni Culturali, che già negli anni scorsi ha visto numerose iniziative di valorizzazione e promozione del ricco patrimonio cittadino.

Accompagna la mostra un catalogo a cura di Michele Asolati e Alessandro Cattaneo, Il Catalogo della mostra è disponibile presso la Biblioteca Universitaria di Padova, con una donazione di 10 € a favore dell’Associazione Amici della Biblioteca Universitaria, grazie al cui contributo è stato realizzato

 


Orario 10-19, chiuso i lunedì non festivi
Ingresso libero

Per i cataloghi rivolgersi alla Biblioteca Universitaria

Jacopo Muselli, Numismata antiqua, Veronae, 1750-1751 (Biblioteca Universitaria di Padova) Signoria carrarese, Francesco I Da Carrara (1355-1388), Tessera murale, zecca di Padova (Museo Bottacin di Padova) Christopher Wren, Numismatum antiquorum sylloge populis Graecis, municipiis, & coloniis Romanis cusoru, Londini, 1708 (Biblioteca Universitaria di Padova)  Regno Traco-macedone, Lisimaco (305-281 a.C.), Tetradracma, zecca di Pergamo (Museo Bottacin di Padova)